di Monica Maida

Ultimi giorni del 2021: anno scandito da incertezze e continue sfide per chi desidera viaggiare. Consapevole dei rischi che posso correre, scelgo di riempire lo zaino che da troppo tempo è rimasto vuoto e, nel pieno rispetto delle regole Covid, prendo un volo per il Qatar.
Meta mediorientale quasi sconosciuta, posto dove si spingono pochi turisti, luogo che mi affascina per essere ancora poco esplorato. Motivi geopolitici hanno spinto il Qatar ad essere isolato dal resto del mondo per molti anni, ora invece si respira profumo di riscatto: a partire da novembre 2022 il paese ospiterà i mondiali di calcio e la volontà dei qatarioti di prepararsi al meglio per questa vetrina internazionale è alle stelle.

A dimostrarlo, l’infinito susseguirsi di cantieri che si spalmano lungo le vie di Doha, i 14 stadi che stanno fiorendo tra le distese di sabbia, i grattacieli che fanno a gara per raggiungere la vetta più alta.

Si respira aria di innovazione, creazione e futuro.

Doha, la capitale del Qatar – Photo credit Lonely Planet

Oggi ho il privilegio di vedere il Qatar così, vergine com’è.

Non ha una storia robusta alle sue spalle ma dietro al suo essere ancora insipido, ci sia un grande potenziale che a breve verrà sprigionato. Si percepisce che non è un luogo apparecchiato per turisti, che si mostra per la sua semplicità, per il suo non essere mai stato in prima pagina. Ed è questo il fascino di vedere un posto calpestato ancora da pochi.
Facendo un giro nel souq, che raccoglie tutta la tradizionalità del luogo, noto quanto forte sia il legame con la religione musulmana e come i tratti distintivi della cultura non perdano occasione di palesarsi: donne col volto coperto che mangiano separate dagli uomini, muezzin che dai minareti della moschea richiamano i fedeli alla preghiera cinque volte al giorno, spezie che si trovano puntualmente in ogni piatto.

Mi sposto nel deserto, luogo che mi affascina per i ritmi e gli orizzonti che regala. Le distese di sabbia infinite, il sole tiepido che illumina le dune al tramonto, il vento che mi accarezza i capelli. I colori sono tenui, l’atmosfera è pacifica, lenta, da respirare a pieni polmoni. Ad accogliermi a fine tragitto, una tenda che mi cullerà per tutta la notte, ma solo dopo un buon narghilè, una cena speziata, un cielo stellato e della buona compagnia.

Qatar, il vastissimo deserto – Photo credit Wikimedia

Un nuovo capitolo si apre quando scopro, al termine del mio viaggio in Qatar, di essere positiva al Covid e di dovermi fermare in loco per una quarantena forzata. In un batter d’occhio mi trovo a fare i conti con una di quelle realtà che sembrano sempre lontane dal tuo vivere fino a quando non si concretizzano e ti presentano il conto. Sono sola in un paese che conosco poco ma cerco subito di capire come destreggiarmi correttamente tra le norme governative e sanitarie locali.
Vengo quindi trasferita in un “Covid Hotel” dove incontro persone che sono nella mia stessa situazione: dentro quelle mura si annullano tutte le diversità che ci contraddistinguono, dall’età al tipo di vita che ognuna di noi conduce al di fuori. Siamo sulla stessa barca, abbiamo il medesimo obiettivo e scegliamo di raggiungerlo insieme tenendoci compagnia e supportandoci quando necessario.
Scopro così di fare un viaggio dentro al viaggio, di condividere con delle anime splendide una situazione che sarebbe stata scomoda pure se affrontata in Italia, a casa propria, tra una tisana e l’altra. Figurati all’estero, in un posto asettico con le poche cose messe nello zaino. Sarà un tampone negativo a dichiarare la fine della quarantena e l’ufficiale rientro in Italia.

Eccomi quindi a bordo di un aereo a ripensare a quanto sia stata incredibile questa esperienza, a quanto si sia arricchito il mio bagaglio personale, a quanto (nonostante tutto) non riesca a vedere nulla di negativo in quello che ho vissuto. E soprattutto a quanto sia sempre necessario vedere il bicchiere mezzo pieno e ad essere positivi, o forse di questi tempi è meglio dire ottimisti.

Be positive, stay negative!

In copertina, vista aerea di Doha  – Photo credit Wikimedia

@monicamomomaida