di Cristina Saglietti

Settembre è arrivato: di lui si dice che sia un mese “di transizione” dove si può continuare a godere della succosa frutta e verdura tipicamente estiva, alternandola con tutte le primizie autunnali che piano piano inizieranno ad essere a nostra disposizione.

Cosa scegliere quindi quando andiamo a fare la spesa e perché?

Nell’immaginario collettivo l’arrivo di Settembre coincide con la fine della pausa estiva e con la conseguente ripresa di tutte le nostre attività scolastiche e lavorative.

Dal punto di vista astronomico, Settembre è il mese dell’equinozio d’autunno, che si verifica il 22 o il 23 settembre e che vede il Sole in posizione perpendicolare rispetto alla linea dell’equatore, dando in questo modo uguale durata al giorno e alla notte in tutti i paesi del mondo.

Una panoramica sulla frutta e verdura di Settembre

La frutta

Quando si dice Settembre solitamente si pensa subito all’uva ed infatti questo mese è uno di quelli legati al ciclo annuale della vite, per la vendemmia.

Dagli alberi cogliamo grappoli di dolcissima uva che a mano a mano ci regala tutte le sue innumerevoli varietà.

Settembre poi è la stagione dei fichi, delle pere, dei frutti di bosco e dei fichi d’India, delle giuggiole, delle prime mele (ottime da Ottobre), noci e nocciole.

Restano ottime le susine, le pesche, le prugne e i meloni.

Si evince quindi che questo nuovo mese sia perfetto per fare il pieno di antiossidanti, tanto preziosi per prevenire l’azione dei radicali liberi, che sono responsabili dell’invecchiamento cellulare alla base di numerose patologie.

Non dimentichiamo poi i mirtilli, piuttosto ricchi di vitamina B9 o l’uva che ci permette di fare il pieno di zuccheri immediatamente disponibili.

L’uva inoltre contiene acido linoleico, un acido grasso essenziale appartenente alla serie omega-6: stimola la motilità intestinale ed ha qualità diuretiche e disintossicanti.
Quella nera è ricchissima di antiossidanti, soprattutto resveratrolo, un fenolo non flavonoide a cui vengono riconosciute numerosissime qualità tra le quali quelle antinfiammatorie, antibatteriche e antifungine.

La verdura

Per quanto riguarda la verdura se parliamo di Settembre con buona probabilità pensiamo ai funghi, davvero ottimi e gustosi in questo periodo dell’anno tanto da conservarli essiccati o sott’olio nei barattoli per poterli apprezzare anche nei mesi invernali.

Nell’orto resistono i peperoni, i pomodori, le zucchine e le melanzane, mentre inizia la grande stagione di cavoli, broccoli, zucca e sedano rapa che ci accompagneranno per tutto l’inverno.

Da non sottovalutare la seconda produzione di fagiolini, ricchissimi di acqua, di fibre, di vitamina A e di sali minerali, in modo particolare di potassio.
Con le loro pochissime calorie (circa 18 Kcal su 100 grammi), hanno importanti qualità diuretiche e rinfrescanti.

Una primizia tutta invernale che possiamo iniziare a gustare già a Settembre?

Le zucche naturalmente che saranno ottime da Ottobre, ma molto buone già verso fine mese.

Questo il panorama generale della frutta e verdura che possiamo correttamente decidere di portare in tavola in questo nuovo mese appena iniziato: vediamo di seguito nel dettaglio i valori nutrizionali e tutti i benefici che alcune di queste delizie ci possono regalare, per acquisire sempre di più la piena consapevolezza sul perché sia tanto vero il detto “siamo cosa mangiamo“.

I valori nutrizionali e i benefici della frutta e verdura di Settembre

FICHI:

I fichi hanno numerose proprietà benefiche, tanto da essere considerati ottimi alleati per la salute generale del corpo.
Contengono, infatti, l’80% di acqua e molti sali minerali come calcio, fosforo, magnesio, potassio, sodio e ferro.
Sono anche ricchi di vitamina A, B1, B2, B6, PP e C.
I semi contenuti nel frutto hanno delicate proprietà lassative e sono purificanti per l’intestino, inoltre gli enzimi contenuti nei fichi, facilitano l’assimilazione dei cibi, svolgono un’azione di difesa per la pelle e possono essere utilizzati come impacchi su ascessi e gonfiori.

PERE:

Le pere sono dei frutti ricchi di numerose sostanze: acqua, carboidrati, proteine, zuccheri, grassi, sodio, calcio, fosforo, magnesio, zinco e potassio, sostanza quest’ultima che ha effetti vasodilatatori.
Sono un valido aiuto nella regolarizzazione della pressione arteriosa e riducono il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari.
Abbassano i livelli di tensione, evitando la formazione di coaguli e aumentando, di contro, l’afflusso sanguigno a tutti gli organi, potenziandone l’efficienza.
Tra le straordinarie proprietà delle pere vi è anche la capacità di far cicatrizzare più velocemente le ferite, grazie alla sinterizzazione della vitamina C e all’elevata quantità di acido ascorbico.
Le pere sono poi ricche di ferro e di rame, minerali preziosi per quanti soffrono di anemia, poiché aiutano a combattere stanchezza e debolezza muscolare.

FICO D’INDIA:

Il fico d’India è un frutto mediamente energetico, che apporta una discreta quantità di fruttosio (carboidrato semplice) e buone porzioni di fibra, sali minerali e vitamine.
In particolare, il fico d’India contiene ottime quantità di fibra viscosa, utile alla regolazione dell’assorbimento intestinale
L’apporto di potassio è apprezzabile, così come quello di antiossidanti.
Molto ricco d’acqua, con un apporto calorico medio di circa 53 calorie per 100 grammi di prodotto, la totalità o quasi dell’energia che ci regala è rappresentata da zuccheri semplici contenuti nella polpa quali fruttosio e glucosio.

CAROTE:

Con le loro 41 kcal per 100 grammi di prodotto, le carote hanno delle ottime proprietà nutrizionali: sono infatti una verdura di stagione ricca di sali minerali, in particolar modo di calcio, potassio, sodio, magnesio e fosforo, di vitamine (B, C, PP, D e E) e di betacarotene.
Le carote sono delle ottime amiche per la nostra salute, infatti proteggono la vista, contrastano l’ulcera e svolgono un’azione protettiva delle pareti dello stomaco. Facilitano la diuresi e la regolarità intestinale ed hanno proprietà antinfiammatorie.

CAVOLO VERZA:

Uno dei primi cavoli davvero di stagione presente sui banchi dei mercati il cavolo verza è un alleato se siamo a dieta, con le sue 20 kcal per 100 grammi di prodotto.
Il cavolo verza è ricco di protovitamina e vitamina A, vitamine B1, B2, B9 (acido folico), PP, C, K, U.
Diversi studi hanno confermato le proprietà antitumorali di questo ortaggio che contrasterebbe la formazione di cellule cancerogene, riducendo il rischio di tumore al colon e ai polmoni.
Contrasta la formazione della cataratta e protegge da ictus e patologie cardiovascolari.

FINOCCHI:

Anche loro presenti sui banchi del mercato, anche loro amici della nostra salute e della nostra linea: 29 kcal per 100 grammi di prodotto.
Sono ricchi di fibre e poveri di grassi e contengono molti sali minerali e vitamine A e C.
Perché portarli sulle nostre tavole?
Perché hanno effetti diuretici, prevengono i crampi e la stanchezza, proteggono la pelle, migliorano la funzionalità del sistema immunitario e sono particolarmente depurativi del fegato.

Pronti per andare a fare la spesa

Che ne dite…siamo pronti per andare a fare la spesa portando a casa solo cose buone che ci faranno stare meglio?

Nel frattempo io vi ringrazio per aver letto l’editoriale del mese di Settembre e vi do appuntamento al prossimo martedì sera con una nuova ospite e la sua ricetta…sarà un dolce o qualcosa di salato?

Cristina Saglietti, Contemporaneo Food
@contemporaneofood
Pinterest
Facebook