di Cristina Vignali |

Il needling è un’interessante tecnica di rivitalizzazione cutanea senza iniezione, un metodo di recente introduzione con il quale è possibile trattare gli inestetismi della cute del volto e di altri distretti corporei.

Detta anche “Collagen Induction Therapy” , lo scopo è quello di stimolare in modo naturale la produzione di fibre elastiche e collagene. Si ottengono miglioramenti della luminosità, compattezza cutanea, diminuzione delle macchie, delle piccole rughe delle guance, della regione perilabiale e delle cicatrici da acne e anche sulle smagliature.

Tale metodica prevede l’utilizzo di uno speciale dispositivo chiamato DERMAROLLER o ROLL-CIT, costituito da un perno su cui è fissato un rullo dotato di sottilissimi aghi di acciaio.

©Photo credit: pixabay

La lunghezza degli aghi varia in base alla tipologia di trattamento: cosmetico (0,5 mm), medico (1,5 mm) e chirurgico (3mm). Per quanto l’intento sia il medesimo, i protocolli l’impegno del paziente e i risultati saranno molto diversi.

Questi numerosi piccoli aghi infatti, creano sulla cute dei microfori che determinano un microtrama, a volte sanguinanento come nel caso di needling chirurgo, che induce a una reazione di richiamo cellulare, di riparazione e di formazione di nuovo collagene ed elastica.

Vediamoli nello specifico!

 

NEEDLING COSMETICO

Questo strumento ormai è entrato nella nostra beauty routine domiciliare.

Studi effettuati da molte aziende hanno dimostrato a livello mondiale l’efficacia dell’applicazione di creme dopo il passaggio del dermaroll.

Essendo lo strato cutaneo una barriera, il needling cosmetico è utile proprio per migliorare la penetrabilità di quest’ultima.

Meccanismo d’azione con cui la tecnica del micro needling facilita la penetrazione dei principi attivi.
©Photo credit: pixabay

Gli aghi utilizzati in questo caso sono molto corti (0,5 mm) quindi, oltre a non danneggiare gli strati cutanei sottostanti non provoca dolore.

Si usa sul viso, collo, braccia, addome, natiche, cosce.

I microscopici fori generati sono invisibili e si richiudono in 24 ore, garantendo anche la possibilità di effettuare il trattamento 2-3 volte a settimana per 3 mesi.

 

NEEDLING MEDICO

©Photo credit: Karelys Ruiz via unsplash

Il trattamento medico si esegue in ambulatorio. Potrebbe essere un po’ doloroso, pertanto sulla zona da trattare viene applicata un’ora prima della seduta una crema anestetica in occlusione.

Il rossore dopo il trattamento in media dura 2-5 giorni ma, al contrario della prima tipologia, vengono consigliate 3-4 sedute distanziate tra loro da almeno 45-60 giorni per avere il tempo di una risposta cutanea senza stressare la pelle.

Gli effetti collaterali sono l’eritema e più raramente un microsanguinamento.

 

NEEDLING CHIRURGICO

In questo caso si usano aghi lunghi 3 mm. Questo trattamento più invasivo viene eseguito in sala operatoria con anestesia locale e/o una leggera sedazione. Quest’ultimo viene utilizzato in special modo sulle smagliature.

COME SI USA ?

Parliamo del needling cosmetico, che forse è quello che più ci può interessare:

©Photo credit: dermarollershop.com

il dermaroller si passa sulla pelle asciutta, dopo averla ben detersa, e senza premere eccessivamente, si passa si tutto il volto compresa anche la zona periodale e collo.

Il rullo viene passato prima disegnando linee verticali, poi orizzontali e infine oblique, formando una specie di rete di microforellini.

Il tutto dovrebbe durare non più di 5/10 minuti da fare 3 volte a settimana.

Importante dopo il trattamento applicare siero con attivi come acido jaluronico, vitamine, o oligoelementi, facendo assorbire.

©Photo credit: medical news today

Ci vogliono circa 3 mesi per vedere il risultato.

Mi raccomando, se vorrete provarlo, non dimenticare di detergere bene la cute e disinfettare il dermaroller prima e dopo ogni uso.

Buon lavoro!

Cristina Vignali

@_cri.eagle_

In copertina: Valeria Sechi @vale_greymodel

©Photo credit: Fabio Ghidini

@i_l_c_o_m_a_n_d_a_n_t_e