di Veronica Testa |

Multipotenziale è colui che ha più interessi e capacità creative.

Se hai già sentito il termine multipotenziale allora vuol dire che finalmente se ne parla un po’ di più.
E se ti ritrovi nella sua definizione allora puoi stare tranquillo, non sei da solo!

Una persona multipotenziale è in grado di cambiare interessi, mestiere, passioni molto velocemente o averne molteplici contemporaneamente.
Il percorso di vita di una persona di questo tipo non è lineare.

©Photo credit: pexels

Il multipotenziale non ha una vocazione, ne ha molte e vuole perseguirle tutte!

Un test molto semplice per capire se sei o meno multipotenziale è questo: la domanda “Cosa vuoi fare da grande?” ti ha mai gettato nel panico?
Se la risposta è sì, allora ci sono buone probabilità che tu lo sia.
Una persona multipotenziale non ha un’idea precisa di cosa fare da grande e non vuole precludersi un mondo di possibilità per perseguire solo una strada.

“Fare più cose significa essere mediocre in tutte”

Una frase che fa sentire ogni multipotenziale inadeguato rispetto agli esempi e i canoni che la società per anni ha passato come i modelli da seguire e in cui conformarsi.
Siamo cresciuti sentendoci sbagliati nel non avere un sogno preciso, a non voler per forza diventare qualcuno investendo tutte le energie su un solo progetto, a non avere una passione lunga tutta una vita.

Da multipotenziale posso dire che non è stato per nulla semplice in tutti questi anni capire veramente me stessa.
Ma ora che ne ho preso consapevolezza, so quali sono i miei punti di forza e i nemici contro cui combattere.
E voglio condividere con voi quello che ho imparato.

I 3 NEMICI

Uno dei peggiori nemici dei multipotenziali è il senso di colpa. ©Photo credit:pexels

  • Senso di colpa: ci sentiamo sempre in colpa per essere così incostanti, per cambiare continuamente passioni e interessi e temiamo continuamente il giudizio altrui, ma soprattutto di deludere famiglia ed amici. Questo ci può trascinare in una spirale di frustrazione e inadeguatezza.
  • Sindrome dell’impostore: siamo convinti di non meritare i nostri successi e traguardi perché ci sentiamo inferiori rispetto a chi ha passato la vita in un settore rispetto a noi. Sentiamo di essere degli usurpatori e ciarlatani, che hanno avuto solo la giusta dose di fortuna e tempismo in un determinato ambito.
  • Disagio dell’esordiente: è molto bello gettarsi spesso in nuove esperienze e in nuovi ambiti, ma ad un certo punto ci si può sentire a disagio ad essere sempre quelli nuovi, gli ultimi arrivati, quelli che ancora non hanno abbastanza esperienza per decidere o agire.

Ma non preoccupatevi, i multipotenziali hanno dei superpoteri per combattere questi terribili nemici!

I 3 SUPERPOTERI

La capacità di sintesi e la facilità con cui i multipotenziali imparano è tra i loro maggiori punti di forza. ©Photo credit: pexels:pexels

  • Capacità di sintesi: i multipotenziali riescono ad unire diversi concetti presi anche da ambiti molto diversi tra di loro per trovare un collegamento e creare qualcosa di nuovo.
  • Apprendimento veloce: i multipotenziali sono abituati a cimentarsi sempre in qualcosa di nuovo e ci si tuffano con un entusiasmo tale da riuscire ad apprendere molte nozioni in poco tempo. Inoltre quando seguono un nuovo interesse non partono mai da zero, perché le tecniche apprese in un campo possono benissimo applicarsi o adattarsi in un altro
  • Adattabilità: noi multipotenziali riusciamo ad adattarci velocemente in situazioni differenti perché siamo abituati alle novità e a cambiare continuamente settore e ambiente.

     I multipotenziali sono capaci di eccellere in ambiti completamente diversi tra loro. ©Photo credit: pexels

Spero di avervi dato qualche strumento in più per iniziare un nuovo percorso di consapevolezza e, se leggendo questo articolo avete sentito accendersi una lampadina, vi consiglio di approfondire l’argomento leggendo il libro che ha ispirato questo articolo: “Diventa chi sei” di Emilie Wapnick

Un mondo di multipotenziali vi aspetta!

@lavolpinayogi

In copertina: ©Photo credit: pexels