di Benedetta Gherardini

Avete mai pensato di lasciare il vostro partner per qualcun altro? Forse si tratta di un amico per il quale state sviluppando dei sentimenti, di un collega con cui passate molto tempo, o del vostro primo amore che è tornato sui suoi passi facendosi risentire. Non è raro che le persone si lascino trascinare dalla promessa di qualcosa di nuovo o di “migliore” e scelgano di abbandonare la loro relazione attuale per entrarne in una nuova.

Dall’esterno, può essere facile giudicare: “Come hanno potuto? Dov’è la loro lealtà?”. Oppure: “Buon per loro! Seguite i vostri desideri!”. Ma avere un’opinione è sempre più facile quando la cosa accade ad altri e non a noi.

Lasciare una persona importante per un’altra non significa tanto confrontare i partner, quanto piuttosto fare una riflessione su se stessi. Perché state pensando di lasciarla? La relazione non va bene? L’altra persona è più compatibile? Queste sono le domande a cui solo voi potete rispondere. E la decisione sarà legata alle vostre convinzioni sulle relazioni, sull’impegno e sull’amore. È utile prestare attenzione non solo ai vostri desideri, ma anche alle vostre esigenze, ai vostri limiti e ai vostri valori.

Quando prendete una decisione importante, fatevi la domanda: “È una decisione che mi aiuterà a essere la versione migliore di me stesso? E tale decisione – lasciare il partner per un’altra persona – sarà al servizio della me autentica? In definitiva, tutto ciò che facciamo dovrebbe essere in linea con ciò che siamo. In questo modo, è più probabile che si prendano le decisioni “giuste” per noi. Lasciare una persona che frequentiamo da pochi mesi è diverso dall’essere sposati da 11 anni, avere due figli, un mutuo in comune da pagare e andarsene per un nuovo partner, mettendosi tutto dietro le spalle.

Per ora atteniamoci al contesto. Se state pensando di lasciare il vostro partner, parcheggiate il vostro auto-giudizio ed fatevi le seguenti domande:

Perché credo che questa relazione sarà diversa da quella che sto vivendo ora?

Spesso si spera che quando una relazione non funziona, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un nuovo partner. Sebbene a volte questo sia vero, spesso lo e’ solo nel nostro immaginario, in un momento di frustrazione. Se però vogliamo davvero essere consapevoli di come abbiamo contribuito a far sì che la relazione diventasse qualcosa che non ha più ragione di esistere, può aiutarci il fatto di presentarci in modo diverso nella nostra prossima relazione, cercando di non ripetere gli stessi errori. Ricordate: spesso, perché le cose siano diverse, dobbiamo agire in modo diverso.

Spesso, perché le cose siano diverse, dobbiamo agire in modo diverso. . Photo credit Pixabay

Cosa fare se voi e il vostro partner avete linguaggi amorosi diversi

Siete pronti a intraprendere subito una nuova relazione?

Potreste essere infatuati o desiderosi di buttarvi in qualcosa di divertente ed eccitante, ma può essere utile fermarsi a riflettere se e’ il momento giusto. Siete guariti dalla vostra ultima relazione? Avete elaborato quello che è successo? Avete avuto il tempo di individuare tutti gli insegnamenti utili di quell’esperienza? Non dico che bisogna per forza aspettare di essere “completamente guariti” per entrare in una relazione o che ci sia un momento oggettivamente “giusto”, ma il momento deve funzionare per voi.

Le differenze di età nelle relazioni possono essere difficili. Come far funzionare la storia.

Qual è la motivazione che vi spinge a intraprendere questa nuova relazione?

Chiedetevi: Avrei lasciato il/la mia partner anche se non avessi avuto nessun altro a portata di mano? Se la risposta è no, la nuova relazione potrebbe essere una via di fuga. State iniziando cioè una nuova storia perché la stessa e’ una scusa per lasciare il vostro partner, per evitare le responsabilità, o siete veramente innamorati e compatibili con la nuova persona?

Avete sbagliato a pensare ai preliminari? Ecco cosa potrebbe sfuggirvi.

Come posso chiudere la mia relazione in un modo che rispetti e onori il tempo/la vita che si e’ costruito insieme?

Lasciare un/una partner può essere difficile e complicato. Ma questo non significa che non siamo responsabili del modo in cui decidiamo di lasciarci. Rispettare la persona e la relazione che avete costruito è importante, indipendentemente dal fatto che la stessa duri o meno. Ci sono impegni che dovete ancora rispettare anche dopo la rottura? Li state onorando con la verità? Come avete parlato al vostro partner di come vi sentite?

Devo davvero raccontare al mio partner tutti i miei segreti? C’è qualcosa che manca nella mia vita?

Molti di noi cercano di colmare le lacune con le relazioni. Non è una cosa insolita. Dopo tutto, siamo creature sociali. Ma aspettarsi che una relazione soddisfi tutti i nostri bisogni o renda la nostra vita appagante è irrealistico e ingiusto. Se state cercando un nuovo partner perché sperate che vi renda felici, ricordate che la felicità viene da dentro. Potreste avere un partner migliore o più compatibile del vostro attuale compagno, ma nessuna bacchetta magica risolverà tutti i vostri problemi. Invece di cercare una relazione come risposta dunque, riflettete prima se c’è qualcosa che dovete fare/cambiare per vivere la vita che volete.

Benedetta Gherardini è una Mental Coach specializzata in relazioni, rapporti tossici e dipendenza affettiva. Puoi trovarla su Instagram @growupordie o contattarla all’indirizzo mail benedettagherardini@icloud.com.

In copertina: Photo credit Pixabay