di Elena Vitali

Chi si immerge nella lettura dell’ultima opera di Madeline Miller “Galatea” ritrova una versione attuale del mito greco, la statua trasformata in donna per assecondare il desiderio del suo stesso scultore.
Più che una rilettura l’autrice attua un vero e proprio dialogo del passato con il presente e il futuro.

 

Rinchiusa in una stanza di ospedale, ritenuta pazza quando afferma di essere fatta di pietra, la donna rivendica con forza ed estrema fermezza la sua libertà. Una libertà che anela per sé e per la figlia, una libertà verso un futuro diverso, non per forza più felice, ma che Galatea stessa si è scelta.
Ad accompagnare il raffinato racconto della Miller le splendide illustrazioni di Ambra Garlaschelli, in grado di avvolgere il testo (arrivando in qualche caso perfino a sostituirlo) con i loro chiaroscuri plastici e al tempo stesso poetici.

PUBLIO OVIDIO NASONE, Metamorfosi, X, 243-297
“Avendole viste condurre una vita dissoluta, Pigmalione, disgustato dei vizi infiniti che natura ha dato alla donna, viveva celibe, senza sposarsi. A lungo rimase senza una compagna che dividesse il suo letto. Ma un giorno, con arte felice e meravigliosa, si mise a scolpire dell’avorio bianco come neve e gli dette forma di donna, così bella, che nessuna può nascere più bella. E concepì amore per la sua opera.

L’aspetto è quello di una fanciulla vera, e diresti che è viva e che, se non fosse così timida, vorrebbe muoversi. Tanta è l’arte, che l’arte non si vede. Pigmalione è incantato, e in cuore gli si accende una fiamma per quel corpo finto. Spesso passa la mano sulla statua per sentire se è carne o invece avorio, e non si risolve a dire che è avorio. Le dà dei baci, e gli pare che gli siano resi, le parla e l’abbraccia, e ha la sensazione che le dita affondino nelle membra che tocca, e teme che la pressione non lasci un livido sugli arti. E ora la vezzeggia, ora le offre doni graditi alle fanciulle: conchiglie e sassolini levigati, e uccellini e fiori di mille colori, e gigli e palle dipinte e ambra stillata dagli alberi delle Elìadi.

E le addobba il corpo anche di vesti, le mette brillanti alle dita, le mette al collo lunghe collane; perle leggere pendono dagli orecchi, e nastri sul petto. Tutto le sta bene, ma nuda non è meno bella a vedersi. La adagia su tappeti tinti con conchiglia di Sidone, e la chiama sua compagna e le poggia il collo su morbidi cuscini, delicatamente, quasi sentisse. E viene il giorno della festa di Venere, festa grandissima in tutta Cipro. Già giovenche dalle corna arcuate fasciate d’oro sono cadute, colpite sul candido collo, e l’incenso fuma, quando Pigmalione, dopo aver reso il dovuto omaggio, si sofferma davanti all’altare e timidamente dice: “O dèi, se è vero che tutto potete concedere, io vorrei avere come moglie – (non osò dire ‘la fanciulla d’avorio’) – una simile alla fanciulla d’avorio”.

L’aurea Venere, presente alla propria festa, coglie il senso di quella preghiera, e – segno che la divinità è propizia – una fiamma tre volte palpita e con la punta guizza su per l’aria. Tornato a casa, Pigmalione subito va a trovare la cara statua della fanciulla, e curvandosi sul letto la bacia. Gli pare di avvertire un tepore. Di nuovo accosta la bocca, e con le mani le palpa anche il seno. L’avorio palpato si ammorbidisce e perduta la durezza s’incava e cede sotto le dita, come la cera dell’Imetto al sole torna duttile e plasmata col pollice si piega ad assumere varie forme e più è trattata, più trattabile diventa. Stupito, felice mai incerto, timoroso d’ingannarsi, più e più volte l’innamorato tocca con la mano il suo sogno: è un corpo vero!

Le vene pulsano sotto il pollice che le tasta. Allora il cipriota rivolge a Venere parole traboccanti di gioia per ringraziarla, e finalmente con le sue labbra comprime labbra che non sono più finte. E la vergine sente quei baci, e arrossisce, e levando timidamente gli occhi verso la luce, vede, assieme al cielo, colui che la ama. La dea assiste alle nozze, possibili per merito suo. E, quando per nove volte la falce della luna si è richiusa in un disco pieno, la sposa genera Pafo, dalla quale l’isola anche Pafo è detta.”

Madeline Miller, “Galatea”, Sonzogno di Marsilio Editore, Venezia, 2021

@elena_gazettedubonton

In copertina:  Louis Gauffier _Galatea e Pigmalione_ ©Photo credit: Wikipedia org