di Giorgia Gargiulo |

“Non sono abbastanza. Non ce la farò mai. Non me lo merito”.

Queste affermazioni le sentiamo ripetere continuamente da quella fastidiosa vocina nella nostra testa.

È ora però di farla tacere ed iniziare a volerci bene ed apprezzarci per ciò che realmente siamo.

Il cammino è lungo e la vita ci mette a dura prova, ma se diventiamo il nostro migliore alleato, problemi che prima ci sembravano insormontabili, possono essere superati.

Preserva il  tempo. ©Photo credit: Alexander@taleofxander

     1. Smettila di pensare che amarsi voglia dire essere egoisti.

Egoista per definizione è una persona che pensa solo a se stessa, infischiandosene degli altri.

L’amore per se stessi è  totalmente l’opposto. Quando ti vuoi bene, sei interessato agli effetti che i tuoi comportamenti possono avere sugli altri. “Amare se stessi per essere amati”,  quante volte avrai sentito dire questa frase?

Ed è proprio così,  non puoi aspettare che un’altra persona colmi quel vuoto che hai dentro, non sarebbe una relazione sana e non porterebbe beneficio a nessuno dei due.

 Il cambiamento parte da te. 

     2.  Impara a dire “grazie”

“Ogni mattina, dal momento in cui alzi la testa dal cuscino, hai tutto ciò di cui hai bisogno”

Neale Donald Walsch

Prova a fare un piccolo esperimento.

Domani svegliati, apri gli occhi e pensa a quanto sia meraviglioso avere questi occhi che ti permettono di vedere la natura, i colori, il viso di una persona cara.

La natura è un dono.
©Photo credit: Alexander @taleofxander

Soffermati a guardare il cielo mentre stai andando al lavoro o all’università: cambia continuamente, domani non sarà mai lo stesso.

Riscopri la bellezza di essere qui ed ora.

Sii grato di questo bellissimo regalo che ti è stato dato: una giornata unica da vivere su questa terra. Per una volta prova ad essere quella persona che emana luce e vibrazioni positive, capace di riempire una stanza con la sua positività  e serenità.

Sii grato. ©Photo credit: Alexander @taleofxander

Ognuno di noi è interconnesso, rimarresti sorpreso di quanto la tua energia possa essere percepita da chi ti circonda.

   3.  Parla con te stesso

È da un po’ di giorni che senti quella tensione sulle spalle, o magari ieri quella sensazione di oppressione nel petto ci ha messo un bel po’ per andare via, o magari ancora il mal di testa che ti trascini dietro da giorni non si decide ad andare via, vero? Beh, se hai male prendi un Oki, facile.

Ma se ti dicessi che questa sensazione di malessere è il tuo corpo che sta cercando di parlarti?
Non spegnere il dolore ingurgitando quante più medicine possibili, molto più spesso di quanto immagini è il tuo corpo che sta cercando di comunicare mentre tu lo ignori e lo metti a tacere con delle pillole.
Vai a monte del tuo problema.

Immagina di parlare con un amico.

Respira. ©Photo credit: Alexander @taleofxander

Prendi dei respiri profondi per calmarti, poi chiedi a te stesso “Cosa sta succedendo? Cosa c’è nel mio comportamento che ti fa stare così? Cosa posso fare per farti sentire meglio?”

Man mano che scendi più nel dettaglio, la risposta che è dentro di te viene fuori, basta ascoltare.

      4. Manda al diavolo il mito della perfezione

Molto spesso stabiliamo quanto valiamo in base agli standard di qualcun altro.

Ama i tuoi limiti. ©Photo credit: Alexander @taleofxander

Questo però non fa altro che tenerci lontano da ciò che siamo realmente, causando in noi una sofferenza psicologica.

La nostra piccola ma forzutissima Amigdala, presente nella parte interna del cervello, è la famosa “vocina interna” che ci fa sentire le persone peggiori del mondo. Ha una funzione, cioè quella di controllare tutte le emozioni per timore che possiamo subire un giudizio negativo da qualcun altro.

Ci prepara al peggio, ma fatto sta che ci devasta anche di più di quanto farebbe il nostro peggior nemico.

Pensa un attimo al tuo vicino di casa, il tuo istruttore, un amico.

Pensa alle opinioni che hai di loro.

Te le sei create senza che loro potessero avere voce in capitolo.

Questo per dire che non abbiamo il potere di cambiare il giudizio che gli altri hanno di noi, loro se lo faranno lo stesso:

quindi, vale veramente la pena soffrire così tanto per cercare di essere perfetti?

Sei umano, concediti la possibilità  di sbagliare.

   5. Prenditi la responsabilità  dei tuoi sentimenti

Vivi! ©Photo credit: Alexander@taleofxander

Ma come? Mi hai detto che non devo caricarmi tutto il peso del mondo sulle spalle, e adesso mi dici che debba assumermi delle responsabilità ?
Come sostiene Luca Mazzucchelli, spesso nelle relazioni di coppia assistiamo alla guerra del “perché tu…”.
Non puoi cambiare gli altri.
L’unico cambiamento possibile riguarda te stesso.
Non sprecare energie puntando il dito, incolpandoli per come ti senti.
Focalizzati sul porti domande più costruttive, come: “Cosa posso fare io per migliorare la tua giornata?

Vedrai così un cambiamento radicale.

Il primo passo da fare è verso te stesso, se ti ami l’altra persona lo percepisce e la relazione può prendere il giusto cammino, quello del cambiamento.

Riassumendo, ovunque tu sia e qualsiasi cosa tu stia facendo, non dimenticarti mai una cosa:

tu sei importante e hai un enorme potere nel cambiare le cose.

 

Giorgia Gargiulo
Instagram: @giorgia_gargiulo 

In copertina: Respira ©Photo credit : Alexander @taleofxander