di Patrizia Ferrando e Samuele Briatore |

GALATEO

Galateo, da secoli e in qualsiasi comune conversazione, è un termine dalla doppia valenza.

Lo si utilizza per definire un insieme di norme di educazione e di civile comportamento, ma anche per indicare libri che elencano quelle stesse regole e aiutano a districarsi fra dubbi sul comportamento e dilemmi sullo stile di comunicazione.

Galateo, manuali sulle buone maniere

In una persona immersa nella lettura di un galateo, possiamo vedere riflessa l’immagine di chi vuole evitare le brutte figure  o di chi desidera conoscere le norme destinate a improntare praticamente tutti gli aspetti di un dato periodo. Un galateo funge da istantanea di vezzi e virtù di una comunità, ne determina e ne compendia valori, priorità, visione del mondo.

Le librerie pullulano di manuali sulle buone maniere, e lo stesso accade sui banchi vecchi libri nei mercatini dell’antiquariato.

Galateo, come orientarsi?

Ma come scegliere e orientarsi fra offerte disparate?

Abbiamo chiesto consiglio a Samuele Briatore, presidente dell’Accademia Italiana del Galateo, nonché caporedattore proprio di questa sezione.

Alle sue indicazioni va aggiunto un titolo, con una nota della redattrice che è anche suggerimento amichevole.

Le regole delle buone maniere “, scritto proprio da Samuele Briatore ed edito da Newton Compton è un testo esaustivo e non sussiegoso.
Affronta i diversi argomenti come risposte alle più comuni domande su galateo ed etichetta.

© Photo credit: amazon.it

Galateo, i consigli di Samuele Briatore

Il primo libro consigliato da Samuele Briatore è ” Galateo per ragazze da marito “, di Irene Soave (Bompiani).

“Una bravissima scrittrice e una collezionista di galatei che ha compiuto uno studio sui manuali destinati alle signorine desiderose di accasarsi che è un vero e proprio excursus attraverso i concetti di educazione”, dice Samuele Briatore. E in effetti questo piacevolissimo saggio, oltre a contenere moltissime curiosità, conduce i lettori in un viaggio tra atteggiamenti, saggezze e piccole strategie di più di un secolo di vita italiana.

Con il secondo libro entriamo nel novero dei manuali, con un classico dei classici ” Il saper vivere” di Donna Letizia, più e più volte ristampato dal tempo in cui Colette Rosselli teneva la sua rubrica su Grazia e offriva un riferimento sicuro alle lettrici.

Donna Letizia ed Indro Montanelli ©Photo credit: artspecialday.com

“Donna Letizia è un must, il suo libro un must have, un vero spaccato del tempo” commenta il nostro caporedattore.

Ancora un manuale straordinariamente fresco e interessante per il terzo titolo: “Il tovagliolo va a sinistra” di Elda Lanza (Vallardi), tra le cui pagine si percepiscono la levità e il garbato senso pratico di una donna straordinaria, come fu anche la sua vita fra televisione, pubbliche relazioni ed editoria, ma sempre all’insegna di una sincera attenzione verso gli altri.

Elda Lanza © Photo credit: tg24.sky.it

” Elda Lanza è una persona che ha scelto di interfacciarsi alle buone maniere in un modo molto umile, molto gentile. Il suo libro è iconico, come iconica era lei” commenta Samuele Briatore, che anche con il suo ultimo suggerimento ci conduce nel mondo di una donna icona di stile, indicando il “Galateo” della Contessa Clara, da tempo fuori catalogo ma reperibile fra i libri usati.

Irene Brin © Photo credit: nuoviargomenti.net

La Contessa Clara era Irene Brin, ma presentiamola con le parole di Samuele: ” La donna più pazzesca e meno studiata del Novecento, ha attraversato realtà molteplici fino ad essere scrittrice di moda e sostanzialmente prima influencer del suo tempo”.

Patrizia Ferrando e Samuele Briatore

In copertina: “Il diario della signorina snob” con la simpatica illustrazione di Colette Rosselli © Photo credit: https://www.lindau.it/Libri/Il-diario-della-Signorina-Snob