di Mara Granzotto

Avete mai pensato di raccogliere le proprietà energetiche della luna piena? E quale beneficio un rimedio come l’acqua lunare offra a livello vibrazionale, emozionale e psicologico?

Acqua lunare,  a cosa serve

L’acqua lunare può aiutarci ad affrontare nuove situazioni, inizi, cambiamenti e decisioni, poiché questo rimedio infonde speranza, pazienza e lungimiranza.

Luna piena. Dal libro “Rimedi Floreali Italiani”di Mara Granzotto. Ed. Il punto d’Incontro
©Photo credit: Mara Granzotto.

La luna piena rischiara la notte e offre rassicurazione, capace di illuminare la via e rendere possibile il nostro avanzare. Il rimedio agisce portando luce dentro noi stessi, una forza luminosa che non cancella le nostre ombre o quelle che proiettiamo nel mondo, ma che permette di conoscerle e accettarle in modo da non bloccarci.

L’obiettivo non è eliminare la paura poiché essa, se adeguatamente calibrata, è una valida aiutante. Seguendo esattamente le teorie di Edward Bach, padre dei famosi 38 rimedi floreali, anche questa essenza aiuta a sviluppare la virtù opposta, e non reprime l’emozione che causa lo squilibrio o il sintomo.

Fiori di bach.©Photo credit; pixabay

Anche l’acqua lunare funzio

na con lo stesso principio dei fiori di Bach. Assumendone per qualche tempo l’essenza, le proprietà (ovvero le informazioni vibrazionali contenute) verranno trasmesse al nostro corpo.

Ogni mese abbiamo la possibilità di “catturare” le forti vibrazioni della luna piena: perché non provare a prepararne un rimedio?

Come preparare l’acqua lunare

Servono solamente tre buoni ingredienti: acqua, contenitore e una notte di luna piena priva di nubi. Non ultima, una corretta e sincera predisposizione d’animo.

Geodi per la preparazione dell’acqua lunare.
©Photo credit: Mara Granzotto.

Il contenitore sarà forse la cosa più difficile da reperire, necessario per potenziare la vibrazione emessa dalla luna (come tutti i rimedi da me prodotti, descritti nel mio libro Rimedi Floreali Italiani, Ed. Il Punto d’Incontro). Si utilizza un geode, possibilmente quarzo o ametista, a forma di coppa. Lo si riempie d’acqua, raccolta possibilmente da una fonte montana, e lo si espone per tutta la notte alla luna, avendo cura di ritiralo prima che sorga il sole.

Il contenuto dovrà essere diluito con pari quantità di alcol, solitamente brandy, necessario per la conservazione del rimedio madre ottenuto. Così ultimato, la conservazione è garantita anche per alcuni anni.

Essenze ambientali e floreali

Puoi assumere la tua acqua lunare anche in sinergia con altre essenze floreali.
©Photo credit: pixabay

Tutti i rimedi vibrazionali, come le essenze ambientali che comprendono le acque speciali (Acqua Lunare, Acqua Solare e Acqua di Madre Terra) e le essenze floreali così prodotte non hanno effetti collaterali. Possono essere usate anche per bambini, piante e animali, avendo cura di utilizzare come conservante per il preparato la glicerina vegetale al posto del brandy.

Mara Granzotto

IG: @rimedi_floreali_italiani

Sito: https://maragranzotto.com/

Libro: Rimedi Floreali Italiani, 33 nuove essenze terapeutiche da preparare in casa, Ed. Il Punto d’Incontro, Vicenza

In copertina: Sotto la luna.

©Photo credit: Dmytro Tolokonov via unsplash

 

Per tornare alla Home, clicca qui.